DOPO LA MORTE DI UN RE

DOPO LA MORTE DI UN RE
Riti funerari in Thailandia, tra tradizione e innovazione di Padre Giovanni ContarinAlla morte di Rama III nel 1851, a tutti i thailandesi (con poche eccezioni) venne chiesto di rasarsi la testa. Alla morte di Re Rama IV nel 1968, il popolo thailandese poté vedere l’urna reale solo dopo che venne portata alla pira funeraria, a Sanam Luang, giorni dopo la cremazione. Oggi, fino a 30.000 persone al giorno entrano nel Palazzo Reale per pregare e rendere omaggio di fronte all’urna di Re Bhumibo...
Altro

L’inverno sta arrivando

L'inverno sta arrivando
  L'inarrestabile declino del turismo sessuale in Thailandia di Massimiliano BrancatoCi si chiederà perché mai scomodare l'arcinoto motto di casa Stark dell'arcinota serie "Il trono di spade" parlando peraltro di un Paese che, per sua fortuna, non ha mai conosciuto i rigori dei lunghi inverni di altre latitudini. E infatti non è certo dell'inverno ‘climatico’ che vogliamo parlare, ma di quella gelida cappa che sta lentamente, ma inesorabilmente, scendendo su quello che un tempo era il...
Altro

GLI ZINGARI DEL MARE

GLI ZINGARI DEL MARE
Il misterioso popolo sopravvissuto alla tragedia dello Tsunami di Beppe BonazzoliL’antica storia dei moken Senza nomi, senza documenti, senza nazionalità, ma abilissimi subacquei e pescatori, vivono sulle rive o sulle barche, spostandosi continuamente. I governi del Sud Est Asiatico e soprattutto della Thailandia vorrebbero integrarli, ma non è così facile. Per gli antropologi rappresentano un enigma: ancora oggi nessuno sa da dove vengono né come si sono spostati nel corso dei seco...
Altro

SPAGHETTI HOUSE

SPAGHETTI HOUSE
di Massimo Morello Metti una sera a cena a Udon Thani, nel nord-est della Thailandia, una cinquantina di chilometri dal confine con il Laos. Attorno ai tavoli sul marciapiede del Little Italian Restaurant, gli habitué, tutti italiani che vivono qui, si scambiano pettegolezzi. I connazionali di passaggio sono accolti con piacere e sorpresa: non molti vengono sin qua. L’ultimo arrivato, però, non riesce a fraternizzare. Forse perché ormai da troppi anni vive in Germania, lavora alla Volkswagen, e...
Altro

IL RISO DELL’ISAAN

IL RISO DELL’ISAAN
La coltivazione del riso nel Nord-Est della Thailandiadi Giovanni Montali Partendo da Bangkok e percorrendo la statale n° 2 per Udon Thani si arriva a una piccola catena montuosa, la Dong Paya Yen. Superando questa catena ci si ritrova nell’altopiano di Korat, che forma la quarta regione della Thailandia, il Nord-Est, comunemente chiamata Isaan. Percorrendo questo altopiano si nota da subito che la maggior parte dei terreni sono coltivati a riso. Qui l’agricoltura è sempre stata un’agric...
Altro

IL CONTRIBUTO DELL’ISAAN ALLA CRESCITA THAILANDESE

IL CONTRIBUTO DELL’ISAAN ALLA CRESCITA THAILANDESE
Studi recenti rivelano una diretta corrispondenza tra la crescita del PIL e il numero di matrimoni in Isaan. Ma quali sono i motivi che spingono queste donne a prendere un occidentale per marito? di Mauro BartolomeoPhom ha 21 anni e lavora nel distretto a luci rosse di Bangkok. È alla ricerca di clienti: bianchi, europei o americani. Quello che i suoi clienti non sanno è che lei, come tante altre, fa questo lavoro perché spera di trovare un uomo disposto a sposarla e che possa cambiare radi...
Altro

DETTI E INTER – DETTI

DETTI E INTER - DETTI
Le ‘spose in vendita’ in Thailandia: il crepuscolo di un luogo comune di Massimiliano BrancatoDetti e Inter-detti: tutti noi viviamo in larga parte di luoghi comuni, non potremmo fare altrimenti, dobbiamo necessariamente dare per scontate cose che non lo sono affatto all’occhio dell’esperto; nell’epoca della vulgata web, inoltre, l’esplosione del ‘luogo comune’ è stata esponenziale. Il ‘Detto’ è esattamente questo: ciò che comunemente si dice, ciò che si dà per scontato, ciò che ci rassicur...
Altro