BLOG E SITI WEB

a cura di Massimiliano Brancato

 BLOG E SITI WEBCome ho già scritto altrove nella rivista, la ‘letteratura’ saggistica erudita sulla Thailandia, soprattutto in lingua italiana, è particolarmente scarsa rispetto ad altri paesi orientali. Tuttavia, quasi per una misteriosa legge del contrappasso, la ‘letteratura’ di blog, website e video on line è a dir poco sterminata. Ci sarò un collegamento tra questi fenomeni? A cosa è dovuto il ‘successo’ web della Thailandia? Rimandiamo per ora la risposta a queste e altre domande im-pertinenti e limitiamoci a continuare la nostra rassegna dei migliori siti web.

www.viviallestero.com

Un’utilissima (ma non lunghissima, ohimè) lista di offerte di lavoro per italiani che sono disposti a trasferirsi in Thailandia

http://www.viviallestero.com/offertelavoro/offerte-di-lavoro-in-asia

Voglio vivere così!

Riecheggiando la nota aria di Ferruccio Tagliavini degli anni 40, il sito vorrebbe (e dovrebbe, aggiungerei) essere il prologo ad ogni decisione ragionata di ‘espatrio felice’. Ricco di informazioni pratiche e di esperienze di espatriati in decine di paesi, è anche farcito di indicazioni bibliografiche e di considerazioni psico-sociali davvero non banali. Basta digitare ‘Thailandia’ e si potranno scorrere decine di esperienze di giovani, di pensionati, di piccoli imprenditori in fuga etc. Purtroppo siamo quasi sempre sulla falsariga del ‘Thailandia è economico’ che è un ‘luogo comune’ da rivedere sotto diversi aspetti.

http://www.voglioviverecosi.com

Amici di Pattaya

Un forum fittissimo di interventi, molto dettagliato, addirittura diviso in ‘sezioni’ territoriali. Utilissimo per le migliaia di nostri connazionali residenti in questa ridente quanto bistrattata località. Farcito di consigli pratici per i mille problemi che, risiedendo all’estero, si incontrano quotidianamente. Un’altro interessante indice di come non ci si senta ormai più ‘spaesati’ pure a decine di migliaia di chilometri da casa. Lo stupore esotico è sostituito dai ‘consigli per gli acquisti’ e dai manuali di sopravvivenza urbana.

http://amicidipattaya.forumc.net

Samui Online

Accanto a Pattaya non poteva mancare un sito completamente dedicato all’altra meta preferita dai nostril connazionali, Koh Samui. Anche qua molte informazioni e, dietro le quinte di un mare fin troppo azzurro, una marea di problemi: dall’impossibilità di lavorare alle insidie che nasconde il mercato immobiliare che, peraltro, ormai è ben lontano dall’essere superconveniente come vent’anni or sono.

http://www.samuionline.it

Isaan in Love Thailand

“Il mondo alla fine del mondo”, l’esito del disincanto puro, l’amore per un esotismo di maniera che si tramuta in repulsione, se non in odio, quando ci si accorge (magari troppo tardi e magari in maniera traumatica) che l’oriente esiste in se e per se e non è il comodo supporto alle nostre ‘uscite dal mondo’. Una lettura obbligatoria, consigliata due volte al giorno per i dieci giorni che precedono la vostra partenza per la Thailandia. Se vi sentite in sintonia risparmiate i soldi del biglietto.

https://pepsisamui.wordpress.com

Thailandia Web

Sito dell’omonimo tour operator, dal 2005 specializzato nei viaggi in Thailandia, con sede a Udon Thani e guide italiane disponibili in ogni parte della Thailandia. Sul sito c’è anche un breve compendio di cultura e tradizioni thailandesi, nonché un servizio di agenzia matrimoniale.

http://www.thailandiaweb.com

Architettura & Viaggi

Indicazioni di viaggio per palati più sofisticati. La sezione Thailandia è ispirata da Joe Cummings, autore della guida Lonely Planet per la Thailandia, Laos e Birmania. Ottima rassegna di foto delle storiche Ayuttaya e Sukhothai e un’interessante accenno all’importanza delle mudra (posizione delle mani) e delle asana (posizioni del corpo) nell’iconografia dei Buddha thailandesi.

http://www.architetturaeviaggi.it

article-1255436-08916FEF000005DC-112_468x286Missione delle Chiese del Triveneto in Thailandia

Tra le presenze italiane in Thailandia, uno spazio a parte meritano senz’altro i numerosi missionari del nostro paese impegnati in una grande varietà di attività assistenziali in zone periferiche. Una delle realtà più importanti è la missione che don Pietro Melotto e don Gabriele Gastaldello hanno avviato dal 1997 a Chaehom, presso Lampang. Il sito contiene, tra altri interessantissimi elementi, un video documento di Carlo Longo, in dialogo con un monaco buddhista sui valori comuni col il cristianesimo e sui precetti fondamentali del buddhismo.

http://www.missionethailandia.org

Il PIME in Thailandia

Altre informazioni utili sulle attività missionarie cattoliche in Thailandia si possono trovare sul sito del Pontificio Istituto Missioni Estere dedicato alla Thailandia. La lettura del sito è molto utile per fare il punto sullo stato attuale del dialogo interreligioso tra buddhismo e cristianesimo, un dialogo che è stato da sempre a ‘due vie’ e che ha ancora molto da sviluppare.

http://www.pimeitm.pcn.net/thai.htm

Bassifondi

Un autentico diario d’autore, una delle più alte espressioni letterarie che si possano trovare sul web riguardo al Sud-Est Asiatico. Morello è un viaggiatore d’altri tempi, eppure autenticamente post-moderno, un viaggiatore dell’anima, con cui i luoghi comunicano in forme sublimi e con complessi chiaroscuri. Il risultato è un collage di riflessioni in cui è un autentico piacere perdersi, lasciandosi trascinare, perdendo punti di riferimento per poter guardare con altri occhi. Finalmente. Una sola citazione vale un’intera letteratura: “La miseria crea la bellezza e la pura bellezza è fatta dalla miseria”.

http://www.bassifondi.com

Claudio Bussolino

Si parlava della scarsità di una ‘letteratura’ erudita su Sud-Est Asiatico in lingua italiana, ebbene ecco uno dei pochissimi blog ‘accademici’. Bussolino, storico e orientalista, allievo di Alessandro Galante Garrone, da anni risiede in Cambogia. Autore di un saggio sulla storia del Sud-Est Asiatico (uno dei pochissimi in lingua italiana), il suo blog è fitto di informazioni storiche, indicazioni bibliografiche e un’interessante sezione di approfondimento sul buddhismo in indocina. Un ‘must’ per i cultori della materia.

http://www.claudiobussolino.com/it/index.htm


YouTube 

La tigre e il Monaco

Documentario sul famoso Tempio delle tigri di Kanchanaburi, uno dei più noti ‘templi della foresta’ thailandesi. La tradizione dei templi della foresta è in realtà antichissima e definisce una precisa corrente del sangha thailandese, piuttosto vocata all’ascetismo e alla pura meditazione rispetto ai templi cittadini e di villaggio. Anche i monaci si distinguono per il colore più scuro delle vesti. In realtà il tempio di Kanchanaburi ha accolto la prima tigre nel 1999, e il suo abate Phra Ajarn è monaco da appena una decina d’anni. Le tigri inizialmente accolte nel tempio erano cuccioli rimasti orfani a causa del bracconaggio diffuso. Col passare del tempo gli animali si sono adattati ai ritmi del monastero e si sono riprodotti fino a contare una ventina di esemplari. Il tempio è diventato una attrazione turistica e questo ha consentito ai monaci di trovare le risorse sufficienti per il sostentamento dei felini e degli altri animali selvatici che hanno trovato rifugio e sostentamento nel tempio: bufali, cinghiali, cavalli, sambar e quant’altro. Uno zoo spontaneo dove prede, predatori e turisti coesistono in una strana atmosfera di quiete grazie a un abate che ha scoperto nel dialogo con le tigri il suo karma. Un mix di selvaggio e addomesticato, di sacro e di marketing… Una allegoria della Thailandia oggi.

https://www.youtube.com/watch?v=jsk69aYylNc

Thailandia no problem

Un graziosissimo documentario di Michelangelo Visconti che riesce ancora a farci percepire la ‘Grande Bellezza’ che questo magico paese ancora per nostra fortuna conserva. Un antidoto per il disincanto che a volte ci attanaglia. Da (ri)vedere tre volte al giorno nei dieci giorni prima di partire per la Thailandia. Se vi sentite in sintonia comprate un biglietto di sola andata.

https://www.youtube.com/watch?v=_9FUKrVDI7c

Orrori da gustare – Bangkok

Una puntata in italiano del celebre programma di cucina e di viaggi presentato da Andrew Zimmern dedicato al panorama culinario della capitale della Thailandia. Se da una parte Bangkok è una città nota per la straordinaria varietà che la cucina thailandese offre, dall’altra è in luogo nel quale si possono fare incontri con piatti e pietanze a dir poco particolari. Addentrarsi tra le strade di Bangkok alla ricerca di stranezze gastronomiche è senza dubbio un modo per venire in contatto con aspetti meno noti della cultura thailandese.

https://www.youtube.com/watch?v=NLZkaJOZTiy

Antropologo, archeologo, geografo. Direttore della rivista “InThailandia”. Residente in Thailandia dal 2002 dove ha approfondito i suoi studi sulle società del sudest asiatico.